\\ Home Page : Articolo : Stampa
Codice Azuni: raccolta e organizzazione delle principali regole e prassi della Rete
Di Admin (del 30/08/2010 @ 14:11:28, in diritto*internet, linkato 1451 volte)

Internet e diritto (Copyright immagine spekulator)

Annunciato lo scorso 4 agosto l'avvio del progetto Codice Azuni:

«Su iniziativa del Ministro Brunetta, è partita l'operazione "Codice Azuni" per promuovere un processo "dal basso" di raccolta e organizzazione delle principali regole e prassi della Rete.

Come fece il giurista sardo Azuni nel XIX secolo, l'obiettivo è individuare le "regole di navigazione" condivise a livello transanazionale, che consentano ad Internet di esprimere al meglio il suo potenziale di crescita e di garantire, in ogni luogo del mondo, il pieno rispetto dei diritti fondamentali della persona.

A dare il via all'operazione è un primo documento "Codice Azuni - versione Beta": nello spirito di Internet, si dà voce agli utenti della Rete raccogliendo osservazioni, punti di vista, esperienze e proposte di tutti coloro che sono interessati a contribuire al dibattito sulla governance di Internet.

Per partecipare a questa prima fase che durerà un mese, l'indirizzo web è www.azunicode.it. Il prossimo appuntamento è a settembre».


L'obiettivo dell'iniziativa, viene precisato sul relativo sito web, «non è fare nuove norme ma costruire una tassonomia dei problemi percepiti e delle opportunità che offre la rete e successivamente una mappatura delle relative best practices mondiali».


Si legge ancora sul sito web del progetto Codice Azuni:

«Il tema della governance di Internet è oggetto di attenzione da parte dei policy makers di tutto il mondo.

Per assicurare il necessario supporto tecnico ai lavori del Comitato dei Ministri per la Società dell'Informazione, in Italia nel novembre 2009 è stato istituito un Gruppo, cui partecipano rappresentanti del mondo della ricerca, dell'università e delle imprese, oltre che di amministrazioni pubbliche.

Occuparsi oggi della governance di Internet significa adoperarsi per garantire uno sviluppo continuo e democratico della Rete. Solo così il potenziale di crescita economica e culturale che essa può esprimere potrà realizzarsi fino in fondo, nel pieno rispetto dei diritti fondamentali della persona.

In tale prospettiva, si è ritenuto opportuno avviare con questo primo documento ("versione Beta") un dibattito, avente come scopo la raccolta delle opinioni e dei punti di vista di tutti coloro che intendono partecipare a questo processo.

È solo il primo passo di un percorso di confronto e di condivisione di idee all'interno di spazi di analisi per molti versi ancora inesplorati, per affrontare i quali è necessario un approccio bottom-up.

Nel ringraziarvi fin d'ora per i contributi, si dà appuntamento a settembre per fare il punto su quanto sarà emerso da ciò che ci si augura sia una vivace e proficua discussione».

 

Fonte: www.azunicode.it

 

 

 

A cura dell'Avvocato Giuseppe Briganti, avvbriganti.iusreporter.it
Visita
diritto*internet - Il non sempre facile rapporto tra Internet e la legge

Per segnalazioni e aggiornamenti, seguici su Twitter o su Facebook

Follow iusreporter on Twitter

 



Note legali. Quanto precede non costituisce né sostituisce una consulenza legale. Testi senza carattere di ufficialità