\\ Home Page : Articolo : Stampa
CIRCOLARE CNF 28-C-2011: MODIFICA AL REGOLAMENTO DI PROCEDURA PER GLI ORGANISMI DI MEDIAZIONE FORENSE
Di Admin (del 21/11/2011 @ 12:26:57, in conciliazione e mediazione, linkato 1456 volte)

Conciliazione nelle controversie civili e commerciali (Copyright foto olly - Fotolia.com)

Con la circolare 28-C-2011 il CNF ha modificato il modello di regolamento di procedura per gli organismi di mediazione forense per adeguarlo alle ultime novità normative

 

« Premessa
Il presente modello di regolamento è predisposto in favore dei Consigli degli Ordini degli avvocati
che, anche in forma associata, vogliano istituire un organismo di mediazione ai sensi del d.lgs. n.
28/2010 e del d.m. n. 180/2010.
L'idea di un modello unico risponde all'esigenza manifestata da numerosi COA di ricevere
assistenza nella fase di costituzione degli organismi, ma anche alla convinzione che l'uniformità di
regole e principi nella conduzione del procedimento costituisca una garanzia per il cittadino.
Si è elaborato un modello quanto più chiaro e sintetico possibile in modo da fornire alle parti un
testo di agevole lettura e comprensione.
Per questo motivo non sono state inserite previsioni non dotate di rilevanza per le parti e attinenti ai
rapporti interni tra mediatori e organismo di mediazione ovvero tra organismi di mediazione.
Il meccanismo di designazione del mediatore è aspetto particolarmente delicato e deve garantire
l'assoluta imparzialità nello svolgimento del procedimento. A tale profilo generale si aggiunge, per
talune controversie, anche la necessità di garantire una particolare competenza tecnica. In relazione
a tale rilevante profilo, l'art. 5 del regolamento è stato ulteriormente dettagliato in aderenza
alle prescrizioni del d.m. n. 145/2011.
In molti casi il modello fa espresso rinvio al d.lgs. n. 28/2010.
Si sono compiute precise scelte di fondo:
1. Nelle ipotesi in cui è prescritta l'assistenza tecnica in giudizio, si è ritenuto di limitare la
prestazione del servizio di mediazione offerto dagli organismi forensi alle sole parti che intendano
giovarsi del ministero di un difensore. Ove il procedimento di mediazione costituisca, ai sensi
dell'art. 5, d.lgs. n. 28/2010, condizione di procedibilità sarà cura dell'Organismo Forense
individuare meccanismi idonei ad assicurare l'accesso alle parti che si trovino nelle condizioni di
ammissione al patrocinio a spese dello Stato.
2. Si è subordinata la formulazione della proposta conciliativa alla richiesta congiunta delle parti e,
comunque, ad una valutazione discrezionale del mediatore che potrà procedervi soltanto ove si
ritenga in possesso degli elementi necessari.
3. Una diversa opzione è stata prevista nel caso di liti in materia di responsabilità da circolazione di
veicoli e natanti e di responsabilità medica. In tali categorie di controversie, attesa la maggior
difficoltà di individuare una soluzione fondata sulla soddisfazione degli interessi delle parti, e
l'esigenza di stimolare la partecipazione del presunto danneggiante al procedimento si è ritenuto
opportuno consentire la formulazione della proposta anche in presenza della domanda di una sola
parte e di mancata adesione al procedimento.
4. Non si è ritenuto di inserire la possibilità che la proposta venga formulata da un mediatore
diverso da quello che ha condotto il procedimento (d.m. n. 180/2010, art. 7, comma 2, l. b), in
quanto l'opera di quest'ultimo sfuggirebbe alla definizione di "amichevole compositore" per
avvicinarsi pericolosamente a quella del terzo incaricato del giudizio.
5. Salvo che per le ipotesi di mediazione "obbligatoria" (art. 5, comma 1, d.lgs. n. 28/2010) Si è
inserita la previsione per cui la parte invitata alla mediazione debba dichiarare previamente la
propria volontà di aderire al procedimento (art. 3, 5°comma). La parte istante, nella domanda di
mediazione, potrà richiedere che l'incontro di mediazione, che comunque verrà fissato dall'ODM e
comunicato all'altra o alle parti, non abbia luogo qualora la parte invitata non abbia manifestato
l'intenzione di aderire al tentativo di mediazione.
Difatti, attesa la scelta di limitare la formulazione della proposta conciliativa alla partecipazione
delle parti al procedimento e alla loro concorde richiesta (sub 3 e fatte salve le ipotesi sub 4), lo
svolgimento dell'incontro in presenza di una sola parte comporterebbe esclusivamente un
ingiustificato aggravio di costi. Resta, comunque, impregiudicata in questo caso la possibilità della
parte invitata di aderire successivamente con la contestuale fissazione di un nuovo incontro. E'
stabilito che le parti vengano avvertite delle conseguenze della mancata partecipazione al
procedimento di mediazione ai sensi dell'art. 8, comma 5 del d.lgs. n. 28/2010 come modificato
con l. 148/2011.
6. Trattandosi di modello generale non si è limitato il servizio a particolari materie scelte
dall'organismo, facoltà comunque riconosciuta dal decreto ministeriale di attuazione (art. 7, comma
2, l. e).
7. Nel disciplinare le cause di incompatibilità e i doveri di imparzialità si è utilizzato come modello
quanto prescritto in relazione all'avvocato che assuma l'incarico di arbitri dall'art. 55 del cod.
deontologico. Si, è, difatti previsto che i mediatori siano che prestano la propria opera presso
Organismi di mediazione forense siano iscritti all'albo degli avvocati (art. 5, comma 3).
8. Si è previsto un meccanismo di designazione del mediatore basato sulla cd. rotazione qualificata.
Il meccanismo di rotazione viene, cioè, contemperato con la considerazione del valore della
controversia e del suo oggetto. In relazione a quest'ultimo si è previsto che il mediatore, all'atto di
assunzione dell'incarico con l'ODM e dell'iscrizione nei registri di mediazione da esso tenuti, 
possa dichiarare le materie per le quali non intenderà prestare l'opera di mediazione. Come
accennato, in conformità a quanto prescritto dal d.m. n. 145/2011 si è ulteriormente
specificato il meccanismo di designazione del mediatore in modo da valorizzarne le
competenze tecniche e la specifica formazione.
9. Tutte le disposizioni proposte nel presente regolamento non riproduttive della disciplina di rango
primario sono, ovviamente, modificabili... »

 

Leggi il testo completo su IRDoc




A cura dell'Avv. Giuseppe Briganti

Avvocato e mediatore professionista

 

Maggiori informazioni sulla mediazione in materia civile e commerciale - Elenco degli organismi di mediazione nelle cui liste di mediatori l'Avv. Giuseppe Briganti è iscritto




La Guida sulla mediazione civile e commerciale di Iusreporter.it

Per segnalazioni e aggiornamenti, seguici su Twitter o su Facebook

Follow iusreporter on Twitter






Studio Legale Avvocato Giuseppe Briganti

Pesaro - Urbino