\\ Home Page : Articolo : Stampa
Commette reato chi crea e usa un account di posta elettronica spacciandosi per un altro: Cassazione penale, sez. V, 8 novembre 2007, n. 46674
Di Admin (del 19/11/2009 @ 18:04:04, in giurisprudenza, linkato 2069 volte)

Ricerca giuridica sul Web (Copyright immagine clix) << Con l'impugnata sentenza è stata confermata la dichiarazione di colpevolezza di ... in ordine al reato p. e p. dagli artt. 81, 494 c.p., contestatogli "perchè, al fine di procurarsi un vantaggio e di recare un danno ad ..., creava un account di posta elettronica, ..., apparentemente intestato a costei, e successivamente, utilizzandolo, allacciava rapporti con utenti della rete internet al nome della ..., così induceva in errore sia il gestore del sito sia gli utenti, attribuendosi il falso nome della ...".

...

Oggetto della tutela penale,in relazione al delitto preveduto nell'art. 494 c.p. [sostituzione di persona], è l'interesse riguardante la pubblica fede, in quanto questa può essere sorpresa da inganni relativi alla vera essenza di una persona o alla sua indentità o ai suoi attributi sociali. E siccome si tratta di inganni che possono superare la ristretta cerchia d'un determinato destinatario, così il legislatore ha ravvisato in essi una costante insidia alla fede pubblica, e non soltanto alla fede privata e alla tutela civilistica del diritto al nome.

In questa prospettiva, è evidente la configurazione, nel caso concreto, di tutti gli elementi costitutivi della contestata fattispecie delittuosa >>.

 

 

Giurisprudenza
La presente sezione ha ad oggetto sentenze venute in rilievo relativamente ai casi e alle questioni trattati dallo studio legale
A cura dell'Avvocato Giuseppe Briganti, avvbriganti.iusreporter.it


Note legali. Quanto precede non costituisce né sostituisce una consulenza legale. Testi senza carattere di ufficialità